Guest Post, sono ancora utili?





I Guest Post, come suggerisce anche il nome, sono degli articoli che vengono pubblicati su dei siti web e sono scritti da parte di coloro che non fanno parte della redazione. La scrittura di questi post hanno vari scopi, tra cui: mandare un link al proprio sito web, fare branding e dunque farsi conoscere.

Si tratta di una delle attività principali e preferite dai professionisti della SEO, me compreso, perché se di qualità apportano un grandissimo valore al proprio sito web e inoltre è anche un modo per farsi conoscere.

Sono, di fatto, i link che a parità di contenuto ottimizzato e di fattori di posizionamento determinano la posizione nelle SERP della tua pagina web (almeno in parte). Ma attenzione, perché il tutto dipende anche dalla qualità dei link in entrata di un sito web, e Google ora tiene molto in considerazione questo aspetto.

I Guest post penalizzano?

Qualche tempo fa Matt Cutts, ha pubblicato un post sul suo sito web dove consigliava di smetterla con i Guest Post. Un avviso? Probabilmente sì, ma bisogna prendere, in ogni caso, la notizia con le pinze.

Quello a cui si riferisce, consiglia e invita a fare il Signor Cutts è a non abusarne. In pratica quando viene inviato un link al proprio sito web deve avere senso, altrimenti si rischia una penalizzazione. Cioè, non ha senso mandare ad un sito di cucina un link da un sito di smartphone, un sito del genere dovrebbe ricevere un collegamento ipertestuale solamente da siti strettamente correlati con l’argomento.

Si tratta dunque una questione di qualità, quello che vuole Google è che i web master ed i SEO non facciano attività di link building. Questo non vuol dire che però i Guest Post non abbiano valore, se apportano qualcosa ed i siti dove sono ospitati sono di qualità, allora il problema non sussiste. Ovviamente, non bisogna assolutamente esagerare, perché i motori di ricerca penalizzano fortemente attività di costruzione di link building.

Sostanzialmente prima di inviare un post su un blog che ci ospita ci sono da valutare alcuni aspetti:

  • Il tema del sito è a linea con il nostro?

  • Il post che ho scritto è di qualità?

  • Ha dei link con anchor text specifici? Se si, meglio evitare.

  • Il mio articolo è sovraottimizzato?

Rispondendo a queste domande è possibile valutare la qualità e l’efficacia di un Guest Post, se tutti i “requisiti” sono soddisfatti, allora il problema non sussiste.

Guest Posting si o no?

Concludendo possiamo dire che pubblicare un Guest Post è un’ottima attività di branding, come detto precedentemente ci consente di farci conoscere in un determinato settore e questo ci può aiutare, con il tempo, a diventare un opinion leader.

Se vuoi utilizzare questa attività di pubblicazione solamente per costruire dei link innaturali verso il tuo sito web devi fare comunque molta attenzione. In ogni caso, l’importante è che il link inserito porti ad una risorsa di valore e soprattutto è importantissimo che abbia un senso.

E tu cosa ne pensi sui Guest Post? Se hai domande lasciaci un commento, saremo felici di risponderti.

Guarda il video sul posizionamento nei motori di ricerca

Commenti